Nella prima parte abbiamo descritto le strutture coinvolte ed i sintomi tipici di questo infortunio, in questo articolo cercheremo dispiegare le opzioni di trattamento.

Sospetti una lesione della puleggia? hai tutti i sintomi tipici ma non sai che fare?

Se il dolore non è terribile, non è presente l’effetto Arco, vedi prima parte, e ti sembra di potere arrampicare probabilmente si tratta solo di uno stiramento, bene, sei stato fortunato!

La prima cosa da fare è stare lontano da vie dove devi arcuare e sospendere le sessioni con la trave, per almeno due tre settimane considera solo maniglie, svase, pinzate, tutto ma non arcuare, arrampica in maniera meno aggressiva, e mai al tuo limite, tecnico e di resistenza.

Potrebbe essere un buon momento per della tecnica sui piedi e per l’allenamento a secco!

Mano a mano potrai riprendere il tuo consueto allenamento, sempre che i sintomi siano in remissione, il mio consiglio in ogni caso è di consultare comunque il tuo Fisioterapista esperto di arrampicata per non rischiare di esagerare. Se hai subito una lesione vera e propria, quindi generalmente hai sentito il tipico POP e noti “l’effetto Arco” le cose si complicano un po’

Dovrò operarmi?

Il protocollo non prevede una soluzione chirurgica immediata (a meno di lesioni multiple), bensì di 4-6 settimane di trattamento conservativo, ovvero riposo, un tutore/bendaggio e Fisioterapia, generalmente esercizi di rinforzo specifico, per favorire la guarigione e prevenire le recidive.

Tra quanto tempo potrò tornare ad arrampicare?

Molto dipende dal grado della lesione, ma anche qui discrete notizie!

Ti servirà la costante supervisione del Fisioterapista, ma potrai tornare ad assaggiare la roccia anche in 4 settimane dall’infortunio, ovviamente iniziando molto gradualmente, la tua forza tornerà quella di prima, ma per essere davvero al livello precedente alla lesione ci vorranno fino a 6 mesi, qui a fianco una tabella indicativa, ma attento a non fare autodiagnosi!

Se hai subito una lesione completa di più pulegge probabilmente subirai una operazione, generalmente con la tecnica di “one loop and a half”, è una semplice ricostruzione della struttura, ma chiaramente allungherà molto le tempistiche di recupero e la durata della riabilitazione.

Nella terza parte capiremo meglio come ridurre le recidive, e nell’ultima se davvero sia utile l’utilizzo del tape, annosa questione!

Call Now ButtonScroll Up