Condividilo sui social!

Per rispondere a questa domanda ovviamente è necessario consultare la letteratura scientifica, trattandosi di uno sport di nicchia questa è relativamente scarna, ma negli ultimi dieci anni, probabilmente anche grazie alla maggiore diffusione di questa pratica è stato prodotto un discreto volume di articoli in merito.

 

 

 

Il più recente paper sugli infortuni frequenti in arrampicata è una revisione semisistematica del 2018 di Jones e Schoffl, tra gli autori più prolifici, che aggiorna la precedente del 2016.

 

 

 

 

L’incidenza media degli infortuni in arrampicata risulta essere di 2,71 +/- 4,49 /1000 h, diciamo tra i due e i cinque eventi ogni mille ore di attività sportiva, questo riferimento è utilizzato come standard in letteratura, per comprenderlo possiamo confrontarlo con altre discipline sportive, e si osserva che il dato è in linea o inferiore ad altri sport comuni come calcio, basket etc… buone notizie!

 

 

 

 

Interessante notare che la frequenza di infortuni è risultata inferiore nello stile Trad rispetto all’arrampicata sportiva.

 

 

Il dato è solo statistica, resta a noi interpretarlo, la mia personale opinione è che in una modalità più “sicura” come l’arrampicata sportiva, su plastica o in falesia, si possa essere più spinti ad oltrepassare il limite fisico e tecnico, mentre potremmo essere più restii a farlo se dobbiamo affidarci ad un friend, magari su roccia di scarsa qualità.

 

 

 

 

Gli infortuni più frequenti in arrampicata sono, come prevedibile, a carico di spalla e dita delle mani.

 

 

 

Gli infortuni alla spalla, il 17% circa del totale, sono principalmente delle SLAP, (Superior labram anterior to posterior), ovvero delle lesioni del cercine glenoideo, una specie di grosso legamento che aiuta la spalla a rimanere in posizione corretta oppure delle sindromi da impingment subacromiale, un dolore anteriore alla spalla causato da un sovraccarico locale.

 

 

 

Gli infortuni alle dita occupano invece il 57% del totale, con le lesioni delle puleggia a fare da padrone, oltre a tenosinoviti, lesioni della cartilagine, capsuliti etc.

 

 

 

Un infortunio in particolare merita molta attenzione, le fratture da stress delle epifisi di accrescimento negli alteti di giovane età, soprattutto maschi, che continua ad essere in crescita, complici probabilmente la partecipazione alle competizioni di atleti sempre più giovani, e le intensità di allenamento sempre maggiori.

 

 

 

Ricordiamoci che la giovane età (< 14-16 anni) è una controindicazione per allenarsi in maniera sistematica all’hangboard e per l’utilizzo di prese arcuate, ovvero le crimpate, ma in particolare per il lavoro dinamico in carico delle dita, uno su tutti il campus board.

 

 

 

Terza sede di infortunio frequente in arrampicata è il gomito, principalmente colpito da epicondiliti ed epitrocleiti.

 

 

 

 

 

 

 

Il paper di Jones e School conclude aggiornando l’algoritmo per la diagnosi delle lesioni della puleggia, ideato nel 2016, utile strumento per i professionisti che lavorano a stretto con le varie discipline di arrampicata.

 

 

 

 

 

 

Nel prossimo articolo parleremo dei fattori di rischio per gli infortuni del mondo verticale!

 

 

 

A Critical Review of the Incidence and Risk Factors for Finger Injuries in Rock Climbing, Gareth Jones, MSc and Mark I. Johnson, PhD, 2016

 Incidence, Diagnosis, and Management of Injury in Sport Climbing and Bouldering: A Critical Review
Gareth Jones, PhD; Volker Sch ̈offl, PhD; and Mark I. Johnson, PhD, 2018

 Pulley Injuries in Rock Climbers , Volker Scho ̈ffl, MD; Thomas Hochholzer, MD; Hans Peter Winkelmann, MD; Wolf Strecker, PD, MD, 2003

Jones G, Llewelly D, Johnson MI, Previous injury as a risk factor for reinjury in rock climbing: a secondary analysis of data from a retrospective cross – sectional cohort survey of active rock climbers, BMJ Open Sport Exerc Med, 2015

Woollings KY, McKay CD, Kang J, et al. , Incidence, mechanism and risk factors fr injury in youth rock climbers, BR J Sports Med , 2015

Scho ̈fflV,PoppD,KupperT,Scho ̈fflI.Injurytrendsinrockclimbers:evaluation of a case series of 911 injuries between 2009 and 2012. Wilderness Environ. Med. 2015;26(1):62-7. Epub 2015/02/26. doi: 10.1016/j.wem.2014.08.013. PubMed PMID: 25712297.

 

 

Condividilo sui social!
Call Now Button

Quali sono gli infortuni più frequenti in arrampicata?

time to read: 3 min
0